Chi sono

Maurizio Berlincioni

Fotografo

Sono nato a Firenze nel 1943 ed ho iniziato a fotografare alla fine degli anni sessanta. Sono giornalista pubblicista dal 1980. Viaggio spesso in Europa e negli Stati Uniti ed sono sempre molto attento alla scena sociale ed alla fotografia di ricerca.

Nel 1977 ho aperto uno studio a Firenze condividendo per anni lo spazio, ed anche buona parte dell’attività professionale, con l’amico Massimo Pacifico. Oltre alla fotografia di studio ho sempre continuato a portare avanti i miei interessi legati alla fotografia di reportage e alle ricerche più propriamente creative. Mie immagini sono state esposte in numerose mostre personali e collettive sia in Italia che all’estero.

Ho pubblicato diversi libri tra cui Giant Super & Vicinity, Caro Arno (con Massimo Pacifico), Fotocoppie, La Fortezza Spagnola (con Silvia Marilli), Un Parco Produttivo: lavori in corso, Pietrasanta Arte e Lavoro e Wenzhou-Firenze, un’approfondita ricerca sulla comunità cinese del comprensorio fiorentino e pratese. Ho realizzato alcune monografie di teatro e di architettura e ho collaborato con i registi Ettore Scola e Bigas Luna, rispettivamente come fotografo ritrattista e fotografo di scena. Miei lavori sono conservati presso diverse collezioni pubbliche e private.

Per 15 anni sono stato titolare del Corso di Fotografia presso le Accademie di Belle Arti di Carrara, Bologna e Firenze. Adesso sono in pensione ma continuo a fare mostre fotografiche e scattare immagini di tutto quello che ritiengo interessante, curioso e stimolante, sia con le mie Canon digitali che con il mio ormai inseparabile iPhone.

PRINCIPALI MOSTRE PERSONALI

2006 -Firenze, IREOS, Florence Queer Festival: Fotocoppie & ritratti ’80 (a cura di Bruno Casini).
2000 – Firenze, Studio Arts Centers International (SACI): Portraits, 1971-1995 (a cura di Jay Wolke).
1999 – Split, Croatia, Fotogalerija: American photographs e Fotocoppie (a cura di Ivan Bura).
1999 – Thessaloniki, Grecia, Photosynkyria: Wenzhou-Firenze e Fotocoppie (a cura di Angelo Schwarz e dell’Istituto Italiano di Cultura).
1998 – Mercatale Val di Pesa, Centro Culturale Giovanni Lotti: La Cina a Firenze.
1995 – Prato, Palazzo Pretorio (Museo Civico): Wenzhou-Firenze (a cura dell’Archivio Fotografico Toscano/Prato).
1995 – Firenze, Istituto degli Innocenti: Wenzhou-Firenze (a cura della Fondazione Michelucci).
1995 – Fiesole, Palazzina Mangani: Wenzhou-Firenze (a cura della Fondazione Michelucci).
1995 – Lucca, Studio Ai Granai: Nyse (a cura dell’autore).
1994 – Firenze, Le Giubbe Rosse: Maurizio Berlincioni / fotografie. (a cura di Idolina Landolfi e Ernestina Pellegrini).
1991 – Mercatale Val di Pesa, Centro Culturale Giovanni Lotti: Immagini dal carcere.
1989 – Firenze, La Dolce Vita: A Summer Place (a cura dell’autore).
1987 – Ferrara, Palazzo dei Diamanti: Giant Super & Vicinity. (a cura di Lola Bonora e Franco Farina, testo di Maria Grazia Mattei).
1985 – Prato, Chiesino di S. Jacopo: Giant Super & Vicinity. (a cura dell’Archivio Fotografico Toscano/Prato).
1983 – Santa Clara, California (USA), De Saisset Museum: Giant Super & Vicinity (a cura di Giorgianna Lagoria).
1983 – Firenze, Galleria Fotostudio: Nell’intorno di un presagio (a cura di Ferruccio Malandrini).
1982 – Firenze, Galleria Vera Biondi: Fotocoppie (testo di Roberto Barzanti).
1982 – Firenze, Galleria Fotostudio: On the road (a cura di Ferruccio Malandrini).
1973 – Milano, Galleria Il Diaframma: Americana (a cura di Lanfranco Colombo).
1971 – Firenze, M.A.F.: The Isle of Dogs (a cura di Eugenio Miccini).
1971 – Roma, Galleria La Bottega dell’Immagine: The Isle of Dogs (a cura di Wladimiro Settimelli e Piero Berengo Gardin).

PRINCIPALI MOSTRE COLLETTIVE

2007 – Santa Clara, California (USA), Gallery at The Department of Art, Santa Clara University: Nothing to declare, in Photo Exchange Exhibit – Three Italian Photographers / Santa Clara University & Syracuse University (a cura di Renee Billingslea e Kelly Detweiler).
2004 – Firenze, Stazione Leopolda, Excess. Moda e Underground negli Anni 80: Nightclubbing (mostra Fondazione Pitti Immagine Discovery – a cura di Maria Luisa Frisa).
2003 – Milano, Stazione Centrale – Roma, Stazione Termini: Mamme d’Italia (Mazzotta/Fotografia a cura di Uliano Lucas).
2003 – Milano, Stazione Centrale – Roma, Stazione Termini: Italiani a tavola (Mazzotta/Fotografia a cura di Uliano Lucas).
2001 – Firenze, Galleria Il Bisonte: L’eredità immeritata 2 (a cura di Rodolfo Ceccotti)
2000 – Roma, Largo di Torre Argentina e altri piazze: Emigrazioni / Immigrazioni. La dignità del migrante. (mostra itinerante a cura di Manuela Fugenzi).
1998 – Mercatale Val di Pesa, Centro Culturale Giovanni Lotti: La Cina a Firenze (a cura dell’autore)
1997 – Palermo, Palazzo Arcivescovile: Un paese unico – Italia, fotografie 1900/2000 (mostra F.lli Alinari a cura di Italo Zannier). La mostra ha poi proseguito nelle maggiori città italiane
1997 – Firenze, Palazzo Medici Riccardi: Un paese unico – Italia, fotografie 1900/2000 (mostra F.lli Alinari a cura di Italo Zannier).
1997 – Firenze, Quartiere 5: Wenzhou-Firenze, Rassegna “L’occhio dei Mondi”
1996 – Firenze, Forte di Belvedere: L’io e il suo doppio – Un secolo di ritratti fotografici in Italia1895/1995 (mostra F.lli Alinari a cura di Italo Zannier).
1995 – Milano, Castello Sforzesco, Sala Viscontea: L’io e il suo doppio – Un secolo di ritratti fotografici in Italia1895/1995 (mostra F.lli Alinari a cura di Italo Zannier).
1995 -Venezia, La Biennale, Padiglione Italia: L’io e il suo doppio – Un secolo di ritratti fotografici in Italia 1895/1995 (mostra F.lli Alinari a cura di Italo Zannier).
1995 – Firenze, Il Pennello Improprio # 2: Fototimballovideo (Video e foto happening all’Anfiteatro del Parterre; in collaborazione con Verita Monselles – a cura di Lara Vinca Masini).
1995 – Dolcè (Vr), Villa di Volargne: Verba non volant – Documenti fotografici in Biblioteca.
1993 – Bergamo, Accademia Carrara: Fotografi Italiani – Diario immaginario di Lanfranco Colombo (a cura di Mario Cresci)
1992 – Milano, Galleria Il Diaframma/Kodak Cultura: Collettiva 25 anni Galleria Il Diaframma (a cura di Lanfranco Colombo)
1989 – Venezia, Palazzo Fortuny: L’insistenza dello Sguardo – Fotografie italiane 1839-1989 (mostra F.lli Alinari a cura di Italo Zannier e Paolo Costantini).
1988 – Settignano (Firenze), Capo di Buona Speranza: Ritratto d’artista.
1987 – Firenze, Museo Alinari: Immagini del Chianti (mostra F.lli Alinari).
1986 – Milano, luoghi vari: Tra sogno e Bisogno (mostra Lega COOP, a cura di Cesare Colombo, testi di Arturo Carlo Quintavalle e Alberto Terzi, catalogo Longanesi & C.).
1986 – Genova, Comune di Genova: Chi troppo e chi niente (Galleria Il Diaframma/Canon, a cura di Lanfranco Colombo).
1986 – Firenze, Piazza Santa Felicita: Firenze, Florencia, Florence (Multivisione, a cura di Mario Mariotti).
1986 – Firenze, Le Pavoniere: Firenze obiettivo Cascine (Fotocollage, a cura di Ugo Barlozzetti).
1984 – Pavia, Festival Nazionale de L’Unità sui Beni Culturali: Copy Art Italia ’84 – N.Y. Garbage (Xerocopie a colori, a cura di Maria Grazia Mattei).
1983 – Firenze, Palagio di Parte Guelfa: Firenze Veduta Aerea.
1982 – Firenze, Il Pennello Improprio: Alice nello specchio (installazione ai giardini di Bellariva a cura di Lara Vinca Masini).
1982 – Pechino (Cina), National Museum of the Aesthetic Arts: L’Italia degli Italiani (Galleria Il Diaframma).
1981 – Milano, SICOF/Sezione Culturale: Viaggio nello Spazio fotografico (a cura di Lanfranco Colombo).
1980 – Firenze, Galleria Inquadrature: Le Cimetière des Chiens.
1980 – Firenze, Piazza Santo Spirito: Un gelato al limone (a cura di Mario Mariotti).
1979 – Milano, SICOF/Sezione Culturale: Le Forme del banale – Il Viottolone (a cura di MODO / Franco Raggi e Alessandro Mendini)
1978 – Arles (Francia), Rencontres Internationales de la Photographie: due Portfolios presentati dalla Galleria Il Diaframma di Milano.
1976 – Vinci – Artecronaca: Amerikana (Installazione, a cura di Lara Vinca Masini e Mario De Micheli).
1974 – Suzzara, XXVII° Premio Suzzara (due sezioni): a) Dimensione Urbana – b) The Concerned Photographer/ Gruppo Italiano (a cura di Mario De Micheli).
1973 – Venezia, Teatro La Fenice: The Concerned Photographer/Gruppo Italiano (a cura di Lanfranco Colombo).
1971 – Praga (Cecoslovacchia): Interkamera (Portfolio presentato dalla Galleria Il Diaframma di Milano).
1971 – Milano, SICOF/Sezione Culturale: Tuscania (a cura di Lanfranco Colombo).
1970 – Sorrento, Incontro uomini e Immagini: Tuscania (a cura di Lanfranco Colombo, Mario Fluss e Peppino Petagna).
1970 – Milano, SICOF/Sezione Culturale: The Isle of Dogs (a cura di Lanfranco Colombo).
1969 – Rimini, Comune di Rimini: Black America (a cura di Teo de Luigi).
1969 – Firenze, Galleria Casa di Dante: Black America (a cura del Foto Club “Il Giglio”).